3 Cose da non fare con i freelance

Questo post è un po’ uno sfogo e un po’ una supplica agli editor, ai producer e alle redazioni, perché la smettano. Semplicemente.

Non chiedete ai freelance di passarvi i contatti

È una cosa che trovo davvero scorretta.

Un/una freelance non ha i mezzi né tantomeno il pubblico o la reputazione di una testata. Si costruisce una rubrica mettendo sempre in prima linea la propria professionalità: in ogni messaggio, ogni intervista, ogni articolo. I contatti sono una risorsa importantissima per i giornalisti, ma lo sono ancora di più per i freelance per i quali l’accesso a una fonte può fare la differenza tra il vedersi accettare un servizio o meno. E quindi essere pagati per il proprio lavoro.

Non chiedete ai freelance di passarvi i contatti.

Soprattutto quando si parla di temi delicati e fonti sensibili, come nel caso di storie relative alla violenza di genere. Pensate davvero che così, su due piedi, passerei il numero o la mail di una persona che ha riposto in me talmente tanta fiducia da volermi raccontare un’esperienza così intima come quella di una violenza subita? Non solo l’idea mi fa arrabbiare ma, come professionista, mi offende profondamente.

Non lasciate cadere importanti conversazioni di lavoro nel vuoto

Capisco perfettamente che gli editor, in redazione, siano pieni di cose da fare. E non sono una di quelli che crede che ci sia bisogno di rispondere a qualsiasi pitch – se l’idea non interessa, penso che sia lecito semplicemente passare oltre.

Ma se avviate una conversazione facendo intendere di voler pubblicare un servizio, per favore, non lasciatela cadere nel vuoto. Sentirsi dire che una proposta è interessante e qualche altro dettaglio a riguardo, ma poi *silenzio* per una settimana o più è un po’ snervante. Significa che la volete? Che devo cominciare a lavorarci? O posso, per dire, proporla a qualcun altro? Se ci sono motivi specifici per cui non potete essere più precisi, ovviamente, basta parlarne. Non dico che ci sia bisogno di risposte immediate, per l’amor del cielo! Ma considerate che dall’altra parte c’è qualcuno/a che deve vendere articoli per campare e, dati i compensi medi del settore, ha sempre meno tempo da perdere. Come voi.

“Chiedere consiglio” su qualcosa significa richiedere una consulenza

E come tale andrebbe pagata.

Se avete bisogno di fare qualche domanda a qualcuno per un progetto, significa che a quel qualcuno riconoscete un certo expertise – maturato con lo studio o con l’esperienza – che vi manca, per qualsiasi motivo. State richiedendo un servizio, com’è lecito, e come tale andrebbe pagato.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s